News

Fondo Nuove Competenze sarà rifinanziato anche per il 2022 Stanziati 700 milioni. Di questi,  500 milioni saranno utilizzati per aprire nuovi bandi nei prossimi due anni e 200 per finanziare azioni in essere. Un decreto del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali entro 60 giorni dalla conversione del decreto in legge, manca ancora il passaggio alla camera,  definirà i criteri di accesso al fondo In particolare si determineranno i  limiti degli oneri finanziabili, le caratteristiche dei datori di lavoro che possono presentare domanda, con particolare attenzione agli attori interessati dalla transizione ecologica e, infinele caratteristiche dei progetti formativi. Il Ministro del Lavoro Andrea Orlando ha dichiarato sui suoi canali social che saranno decisi “con il metodo del dialogo sociale”. Per Saperne di più sul Fondo Nuove Competenze clicca qui!

CORSO “SISTEMA DI GESTIONE DELL’ENERGIA SECONDO LA NORMA ISO 50001:2018 E QUALIFICA PER AUDITOR INTERNO”

Pubblicato il 6 Apr 2022 in Amministrazione, finanza e controllo, Contributi e agevolazioni, Eventi, IN EVIDENZA, News, Sistemi di gestione & modelli organizzativi

25-26-27 Maggio  2022 CORSO GESTIONE DELL’ENERGIA SECONDO LA NORMA ISO 50001:2018 E QUALIFICA PER AUDITOR INTERNO” DURATA: 24 ORE Il corso si svolgerà in presenza presso la nostra sede di Via Agnoletti 8 a Pontedera La norma ISO 50001 (Sistemi di Gestione dell’Energia), stabilisce che sia presente nella struttura organizzativa un rappresentante della Direzione con competenze specifiche nella gestione dell’energia. Le competenze in materia di gestione dell’energia acquisite durante il corso assicurano quindi il possesso delle conoscenze e delle capacità necessarie a ricoprire in maniera efficace il ruolo di Auditor Interno. IL CORSO POTRA’ ESSERE CERTIFICATO KHC     OBIETTIVO DEL CORSO L’obiettivo del corso è quello di:   Acquisire la capacità di pianificare e condurre audit di prima e di seconda parte sui Sistemi di Gestione dell’Energia in accordo alle linee guida ISO 19011 e alla norma ISO 50001; Comprendere i principali parametri per la valutazione critica degli elementi durante la diagnosi energetica; Acquisire la capacità di produrre la reportistica e di condurre il follow-up dei risultati dell’audit energetico.   PROGRAMMA DEL CORSO  Prima giornata: La Norma ISO 50001: scopo, campo di applicazione e definizioni La Norma ISO 50001: requisiti del sistema di Gestione (I e II parte) Cenni all’integrazione dei sistemi di gestione Casi pratici di interventi per il miglioramento dell’efficienza energetica Verifica dell’apprendimento Seconda giornata: La Linea Guida ISO 19011: Struttura, principi e gestione di un programma di audit Preparazione e conduzione di un audit, completamento e azioni successive all’audit Verifica dell’apprendimento Terza giornata: L’Analisi Energetica Iniziale Casi pratici di interventi per il miglioramento dell’efficienza energetica Esercitazione 1: preparazione di una check-list per la verifica della corretta applicazione della Norma ISO 50001 La Linea Guida ISO 19011: Competenze e valutazione degli auditor Esercitazione 2: preparazione di una check-list per le visite periodiche sull’energia Esame Finale MODALITA’ DI EROGAZIONE     WEBINAR – IN PRESENZA DATE 24 ore tre giornate   COSTO DEL CORSO     900 € + IVA.  PER QUALSIASI CHIARIMENTO info@qualitech.it...

Info

INCENTIVI IFIT

Pubblicato il 2 Mar 2022 in Amministrazione, finanza e controllo, Contributi e agevolazioni, IN EVIDENZA, News

PACCHETTO TURISMO PNRR Risorse disponibili e soggetti beneficiari Dal 28 Febbraio al 22 marzo 2022 Un credito d’imposta fino all’80% delle spese ammissibili, utilizzabile solo in compensazione dall’anno successivo a quello in cui gli interventi sono stati realizzati, e comunque entro il 31 dicembre 2025. Si può scegliere di cedere il credito d’imposta (tutto o una sola parte) a soggetti terzi quali banche e altri intermediari finanziari. Contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili, per un importo massimo di 40.000 euro. Il contributo viene erogato con bonifico bancario in un’unica soluzione, a conclusione degli interventi. È tuttavia possibile ottenere un anticipo fino al 30% dell’importo...

Info

CORSI PER PREPOSTI

Pubblicato il 15 Feb 2022 in Eventi, IN EVIDENZA, News, Senza categoria

  Alla luce delle importanti innovazioni in materia  introdotte dalla legge 215/2021 Qualitech organizzerà Lunedì 21 Marzo, con orario 9:00-13:00 14:00-18:00 un  corso di base per preposti Il corso  avrà un costo di € 120 Giovedì 24 Marzo  in orario 9:00-12:00 14:00-17:00 si terrà invece un corso di aggiornamento Il corso avrà un costo di € 90 I corsi si terranno nel rispetto delle vigenti norme anti Covid-19  presso l’aula didattica di Qualitech, presso la nostra sede di via Agnoletti 8 edificio “Quadrilatero” a Pontedera. Per informazioni scrivete o telefonate a Qualitech        ...

Info

BANDO ISI INAIL 2021 PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO: Tipologia o Riduzione del rischio da lavorazioni in ambienti confinati e/o sospetti di inquinamento

Pubblicato il 5 Gen 2022 in Contributi e agevolazioni, IN EVIDENZA, News

Tipologia o Riduzione del rischio da lavorazioni in ambienti confinati e/o sospetti di inquinamento                 OGGETTO: progetti di riduzione del rischio di intossicazione, asfissia, esplosione mediante l’acquisto di:  sistemi di monitoraggio ambientale  sistemi automatizzati e robot per l’esecuzione di lavori in ambienti confinati e/o sospetti di inquinamento, incluse le operazioni di saldatura e le attività di pulizia e depurazione  dispositivi, sistemi e droni per l’accesso e le ispezioni negli ambienti confinati e/o sospetti di inquinamento  dispositivi e sistemi per il recupero dei lavoratori che operano in tali ambienti AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti di riduzione del rischio di intossicazione, asfissia, esplosione in ambienti confinati e/o sospetti di inquinamento. DEFINIZIONI: Per “ambienti confinati e/o sospetti di inquinamento” si intendono spazi circoscritti non progettati per la presenza continua di un lavoratore, ma di dimensioni tali da consentirne l’ingresso e lo svolgimento del lavoro assegnato, caratterizzati da vie di accesso e uscita limitate e/o difficoltose con possibile ventilazione sfavorevole, all’interno dei quali è prevedibile la presenza o lo sviluppo di condizioni pericolose per la sicurezza dei lavoratori (ambienti assimilabili a pozzi neri, fogne, camini, cunicoli, fosse, gallerie, condutture, caldaie, tubazioni, canalizzazioni e recipienti, quali vasche, serbatoi)...

Info

BANDO ISI INAIL 2021 PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO: Tipologia n Riduzione del rischio sismico

Pubblicato il 5 Gen 2022 in Contributi e agevolazioni, IN EVIDENZA, News

Tipologia n Riduzione del rischio sismico OGGETTO: progetti di riduzione del rischio sismico da caduta di materiale mediante l’acquisto e la posa in opera di scaffalature antisismiche. AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti in cui l’intervento ricade nei siti produttivi ricadenti in zona sismica 1, 2 o 3 secondo la classificazione prevista dalla normativa regionale di recepimento dell’O.P.C.M. 3274/2003 e purché per essi sussistano le condizioni di applicabilità della norma tecnica EN 16681. L’intervento prevede la sostituzione di scaffalature esistenti, che siano nella piena proprietà dell’impresa richiedente, con nuove scaffalature antisismiche conformi alla norma tecnica EN 16681. Non sono ammessi l’adeguamento di scaffalature esistenti e l’acquisto di scaffalature antisismiche usate. Le scaffalature sostituite devono essere alienate dall’impresa. DEFINIZIONI: Per “scaffalature esistenti” si intendono quelle già in uso da parte dell’impresa, che abbiano altezza superiore ai 3 m e che siano della tipologia “porta-pallet”; per “scaffalature antisismiche” si intendono le scaffalature che rientrano nel campo di applicazione della norma tecnica EN 16681 limitatamente alle scaffalature porta-pallet regolabili realizzate con membrature di acciaio, destinate allo stoccaggio di unità di carico e soggette ad azioni...

Info

BANDO ISI INAIL 2021 PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO: Tipologia m Riduzione del rischio radon

Pubblicato il 5 Gen 2022 in Contributi e agevolazioni, IN EVIDENZA, News

Tipologia m Riduzione del rischio radon Nell’ambito di questo intervento non è prevista l’adozione di buone prassi ai fini del relativo punteggio bonus. OGGETTO: progetti di riduzione del rischio radon attraverso l’acquisto e l’installazione di un sistema di monitoraggio e l’attuazione di una o più delle seguenti misure correttive:  impermeabilizzazione con guaine delle parti del fabbricato a diretto contatto col terreno  interventi di depressurizzazione attiva o passiva del suolo a diretto contatto con l’edificio  interventi di depressurizzazione attiva o passiva del vespaio sottostante l’edificio  pressurizzazione degli ambienti di lavoro  aspirazione forzata di ambienti interrati e seminterrati AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti di riduzione del rischio radon negli ambienti indoor ai piani terra, seminterrati e interrati nei quali sia presente tale gas in concentrazione superiore a 300 Bq/m3. La misurazione della concentrazione media di radon in aria deve essere effettuata prima della realizzazione del progetto, in accordo con la norma tecnica UNI ISO 11665-4:2020 (Misura della radioattività nell’ambiente – Aria: radon-222 – Parte 4: Metodo di misurazione ad integrazione per la determinazione della concentrazione media di attività usando un campionamento passivo e analisi successiva). DEFINIZIONI: Per “ambienti indoor” si intendono luoghi di lavoro delimitati su tutti i lati da pareti verticali dotate o meno di aperture (porte o...

Info

BANDO ISI INAIL 2021 PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO: Tipologia l Riduzione del rischio infortunistico mediante l’acquisto e l’installazione di dispositivi di protezione per il rilevamento automatico delle persone

Pubblicato il 5 Gen 2022 in Contributi e agevolazioni, IN EVIDENZA, News

Tipologia l Riduzione del rischio infortunistico mediante l’acquisto e l’installazione di dispositivi di protezione per il rilevamento automatico delle persone OGGETTO: progetti di riduzione del rischio infortunistico mediante l’acquisto e l’installazione dei seguenti dispositivi di protezione: • barriere fotoelettriche di sicurezza • laser scanner AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti di riduzione del rischio infortunistico derivante dal contatto accidentale tra persone e macchine mediante l’installazione di dispositivi che comprendano:  il rilevamento della presenza della persona o di parti del suo corpo in zona pericolosa,  la commutazione del segnale di uscita ai fini dell’attivazione di un sistema di allarme. DEFINIZIONI: Per le “barriere fotoelettriche di sicurezza” si fa riferimento alla norma IEC 61496 parti 1 e 2. Per i “laser scanner” si fa riferimento alla norma IEC 61496 parte...

Info

BANDO ISI INAIL 2021 PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO: Tipologia i Riduzione del rischio incendio

Pubblicato il 5 Gen 2022 in Contributi e agevolazioni, IN EVIDENZA, News

Tipologia i Riduzione del rischio incendio OGGETTO: progetti di riduzione del rischio mediante la sostituzione di:  impianti elettrici o parti di essi installati antecedentemente alla data di entrata in vigore della Legge 46/90 (13 marzo 1990);  sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione allarme d’incendio automatici installati antecedentemente alla data del 1 gennaio 2010. AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti che soddisfano le seguenti condizioni: Impianti elettrici:  i nuovi impianti dovranno rispettare i requisiti della norma CEI 64-8:2021 in relazione alla classificazione degli ambienti in cui dovranno essere installati; in ogni caso dovranno essere rispettati i seguenti provvedimenti aventi lo scopo di ridurre al minimo la propagazione dell’incendio e i conseguenti danni a persone: 1) i cavi destinati ad essere incorporati in modo permanente in opere di costruzione dovranno avere una classe di reazione al fuoco almeno uguale a Eca; 2) dovranno essere rispettate le prescrizioni relative alle sigillature per garantire le prestazioni di resistenza al fuoco delle strutture attraversate dalle condutture; 3) dovranno essere rispettate le pertinenti prescrizioni della sez. 751 della norma CEI 64-8:2021 qualora siano presenti ambienti a maggior rischio in caso d’incendi;  gli impianti o le parti di essi di cui è prevista la sostituzione dovranno essere dismessi, rimossi e smaltiti secondo quanto previsto dalla legislazione vigente. Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione allarme d’incendio:  i sistemi da sostituire devono essere costituiti da n. 10 o più rivelatori e i nuovi impianti non potranno prevederne un numero inferiore;  i nuovi sistemi dovranno essere progettati e installati secondo l’ultima edizione della norma UNI 9795;  i sistemi di cui è prevista la sostituzione dovranno essere dismessi, rimossi e smaltiti secondo quanto previsto dalla legislazione vigente. Per i sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione allarme d’incendio sono ammissibili a finanziamento le spese accessorie derivanti dall’acquisto e installazione di uno o più dei seguenti sistemi di protezione associati: 1) evacuatori di fumo e calore; 2) fermi elettromagnetici; 3) serrande tagliafuoco relative a UTA e canalizzazioni. DEFINIZIONI: Impianti elettrici Per “impianto elettrico” si intende l’impianto di distribuzione dell’energia elettrica all’interno degli edifici che, nei luoghi di lavoro come definiti all’art. 62 comma 1 con le esclusioni previste dal comma 2 del d.lgs. 81/2008, ha origine dal punto di consegna dell’energia dal fornitore e termina alle prese a spina (incluse) o ai morsetti (esclusi) degli apparecchi elettrici utilizzatori (macchine, utensili, apparecchi termici, lampade, ecc.). Non fanno parte dell’impianto gli equipaggiamenti elettrici degli apparecchi utilizzatori; nell’ambito degli impianti elettrici rientrano anche quelli di autoproduzione di energia fino a 20kW di potenza nominale. Per “classe di reazione al fuoco dei cavi almeno uguale a Eca”...

Info

BANDO ISI INAIL 2021 PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO: Tipologia h Riduzione del rischio o infortunistico mediante la sostituzione di trattori agricoli o forestali e di macchine non obsoleti

Pubblicato il 5 Gen 2022 in Contributi e agevolazioni, IN EVIDENZA, News

Tipologia h Riduzione del rischio o infortunistico mediante la sostituzione di trattori agricoli o forestali e di macchine obsoleti OGGETTO: progetti di riduzione del rischio mediante la sostituzione di macchine. AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti che soddisfano le seguenti condizioni:  le macchine di cui è prevista la sostituzione devono essere state immesse sul mercato antecedentemente alle specifiche disposizioni legislative e regolamentari di recepimento della direttiva 2006/42/CE e devono essere conformi alla direttiva 98/37/CE (ex 89/392/CEE e s.m.i.)  le macchine sostituite devono essere alienate dall’impresa secondo una delle seguenti modalità: a) rottamazione b) permuta presso il rivenditore con il quale si perfeziona l’acquisto Nell’ambito delle macchine movimento terra, sono ammissibili a finanziamento esclusivamente quelle compatte. DEFINIZIONI: Per “macchine movimento terra compatte” si intendono le macchine di cui al punto 3.1.1 della norma UNI EN ISO 6165:2012, ossia le macchine movimento terra aventi massa operativa di cui al punto 3.7 della norma minore o uguale a 4500 kg. Fanno eccezione i caricatori compatti cingolati di cui al punto 4.2.3 della norma e gli escavatori compatti di cui al punto 4.4.4 della norma, per i quali la massa deve essere minore o uguale a 6000...

Info

BANDO ISI INAIL 2021 PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO: Tipologia g Riduzione del rischio o infortunistico mediante la sostituzione di trattori agricoli o forestali e di macchine obsoleti

Pubblicato il 5 Gen 2022 in Contributi e agevolazioni, IN EVIDENZA, News

Tipologia g Riduzione del rischio o infortunistico mediante la sostituzione di trattori agricoli o forestali e di macchine obsoleti   OGGETTO: progetti di riduzione del rischio mediante la sostituzione di macchine e/o la sostituzione di trattori agricoli e forestali. AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono ammissibili a finanziamento i progetti che soddisfano le seguenti condizioni:  le macchine di cui è prevista la sostituzione devono essere state immesse sul mercato antecedentemente alle specifiche disposizioni legislative e regolamentari di recepimento della direttiva 98/37/CE (ex 89/392/CEE e s.m.i.) i trattori agricoli o forestali di cui è prevista la sostituzione devono essere stati immessi per la prima volta sul mercato antecedentemente al 1 gennaio 1998  le macchine e i trattori agricoli e forestali sostituiti devono essere alienati dall’impresa esclusivamente tramite rottamazione. Nell’ambito delle macchine movimento terra, sono ammissibili a finanziamento esclusivamente quelle compatte. DEFINIZIONI: Per “macchine movimento terra compatte” si intendono le macchine di cui al punto 3.1.1 della norma UNI EN ISO 6165:2012, ossia le macchine movimento terra aventi massa operativa di cui al punto 3.7 della norma minore o uguale a 4500 kg. Fanno eccezione i caricatori compatti cingolati di cui al punto 4.2.3 della norma e gli escavatori compatti di cui al punto 4.4.4 della norma, per i quali la massa deve essere minore o uguale a 6000...

Info

BANDO ISI INAIL 2021 PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO: Tipologia f Riduzione del rischio di caduta dall’alto

Pubblicato il 5 Gen 2022 in Contributi e agevolazioni, IN EVIDENZA, News

OGGETTO: progetti di riduzione del rischio mediante l’acquisto e l’installazione permanente delle seguenti tipologie di ancoraggi:  puntuali  lineari flessibili  lineari rigidi AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti di riduzione del rischio mediante l’acquisto e installazione permanente di ancoraggi destinati e progettati per ospitare uno o più utenti collegati contemporaneamente e per agganciare i componenti di sistemi anticaduta anche quando questi ultimi sono progettati per l’uso in trattenuta. Gli ancoraggi devono essere conformi alla norma Uni 11578:2015 e riferibili alle categorie A, C, e D della stessa e caratterizzati dall’essere fissi e non trasportabili in accordo con quanto riportato nella Circolare del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 3 del 13/02/2015 (sistemi che non seguono il lavoratore alla fine del lavoro, ma restano fissati alla struttura, ancorché taluni componenti del sistema siano “rimovibili”, perché ad esempio avvitati a un supporto). Gli ancoraggi devono essere fissati permanentemente “su” o “nella” struttura/opere di costruzione costituenti i luoghi di lavoro di cui il datore di lavoro dell’impresa richiedente ha la disponibilità giuridica. I progetti possono essere destinati al miglioramento delle condizioni di sicurezza sia dei lavoratori dell’impresa richiedente che di quelli delle imprese appaltatrici che utilizzano tali ancoraggi per operazioni di manutenzione sui luoghi di lavoro dell’impresa...

Info

BANDO ISI INAIL 2021 PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO: Tipologia e Riduzione del rischio biologico

Pubblicato il 5 Gen 2022 in Contributi e agevolazioni, IN EVIDENZA, News

Tipologia di intervento e : Riduzione del rischio biologico  OGGETTO: progetti di riduzione del rischio mediante la realizzazione di una o più delle seguenti misure: a) misure di contenimento: 1. ristrutturazione e/o modifica degli ambienti di lavoro al fine di separare le zone a rischio di contaminazione da agenti biologici, inclusa la predisposizione di aree di deposito e di aree di decontaminazione del personale 2. installazione e/o modifica di impianti di aspirazione o di immissione forzata dell’aria, volti a determinare una differenza di pressione tra gli ambienti di lavoro per il contenimento degli agenti biologici 3. realizzazione o trattamento di superfici che limitino il rischio di contaminazione o che siano di facile disinfezione 4. acquisto di sistemi di aspirazione localizzata/cabine di sicurezza/cappe biohazard/box per la manipolazione dei materiali potenzialmente infetti b) misure di prevenzione: 1. acquisto di sistemi automatici e/o digitali che consentano di ridurre il rischio di esposizione agli agenti biologici 2. acquisto di dispositivi per la sanificazione e/o sterilizzazione di strumenti/attrezzature e/o degli ambienti di lavoro 3. modifica di impianti dell’acqua sanitaria e/o aeraulici centralizzati, al fine di prevenire la contaminazione e la diffusione degli agenti biologici patogeni AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti di riduzione del rischio derivante da esposizione ad agenti biologici. DEFINIZIONI: Per “agente biologico” si intende qualsiasi microrganismo (appartenente ai gruppi 2, 3 o 4), anche se geneticamente modificato, coltura cellulare ed endoparassita umano che potrebbe provocare infezioni, allergie o intossicazioni. Per “organismo geneticamente modificato” vale la definizione del d.lgs. 206/2001. Per “microrganismo, coltura cellulare e endoparassita umano” vale la definizione dell’art. 267 del d.lgs. 81/2008. Per “gruppi 2, 3 e 4” si intende la classificazione secondo l’art. 268 del d.lgs....

Info

BANDO ISI INAIL 2021 PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO: Tipologia d Riduzione del rischio derivante da vibrazioni meccaniche

Pubblicato il 5 Gen 2022 in Contributi e agevolazioni, IN EVIDENZA, News

Tipologia d Riduzione del rischio derivante da vibrazioni meccaniche Nell’ambito di questo intervento non è prevista l’adozione di buone prassi ai fini del relativo punteggio bonus. OGGETTO: progetti di riduzione del rischio mediante la sostituzione di macchine conformi alle rispettive direttive di prodotto di riferimento. Ai fini del presente Avviso sono finanziabili le seguenti tipologie di macchine per la riduzione del rischio da: a) Vibrazioni mano-braccio: 1. martelli demolitori  2. perforatori  3. picconatori elettrici, idraulici, pneumatici  4. seghe e motoseghe 5. decespugliatori, tagliaerba 6. motocoltivatori 7. chiodatrici  8. compattatori vibro-cemento  9. limatrici, levigatrici orbitali e smerigliatrici  10. cubettatrici  11. ribattitrici  12.trapani a percussione e avvitatori ad impulso b) Vibrazioni corpo intero: 1. macchine con operatore a bordo (trattorini, tagliaerba, perforatori ecc.) AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti di riduzione del rischio derivante da vibrazioni meccaniche qualora la valutazione del rischio dimostri che i valori di esposizione iniziale siano superiori al valore di azione. Le macchine da sostituire devono essere state immesse sul mercato successivamente alle specifiche disposizioni legislative e regolamentari di recepimento della direttiva 2006/42/CE, possono essere fisse, portatili tenute e/o condotte a mano, mobili e semoventi ad esclusione delle attrezzature intercambiabili di cui all’art. 2 lettera b) del d.lgs. 17/2010 destinate ad essere collegate a macchine con operatore a bordo e acquistate a sé stanti. Ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti che prevedano la sostituzione di macchine, che incidono sull’esposizione e che quindi presentano valori di emissione vibratoria superiori numericamente ai rispettivi valori di azione, con altre che producono valori di emissione vibratoria inferiori di almeno il 20%; i dati relativi all’emissione vibratoria devono essere quelli dichiarati dai fabbricanti. Non sono finanziabili i progetti che prevedono la sostituzione di trattori agricoli o forestali. Nell’ambito delle macchine movimento terra, sono ammissibili a finanziamento esclusivamente quelle...

Info

BANDO ISI INAIL 2021 PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO: Tipologia c Riduzione del rischio rumore mediante la sostituzione di trattori agricoli o forestali e di macchine

Pubblicato il 5 Gen 2022 in Contributi e agevolazioni, IN EVIDENZA, News

Tipologia c: Riduzione del rischio rumore mediante la sostituzione di trattori agricoli o forestali e di macchine   OGGETTO: progetti di riduzione del rischio mediante la sostituzione di trattori agricoli o forestali e macchine AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti solo se la valutazione del rischio aziendale dimostra che i valori di esposizione iniziali sono superiori ai valori inferiori di azione. Sono finanziabili i progetti che prevedono la sostituzione di trattori agricoli o forestali e/o di macchine che incidono su tale esposizione e per le quali valgono le condizioni sotto riportate. Macchine Sono finanziabili le macchine fisse, portatili tenute e/o condotte a mano e semoventi ad esclusione di quelle mobili con operatore a bordo; sono altresì escluse le attrezzature intercambiabili di cui all’art. 2 lettera b) del d.lgs. 17/2010 se acquistate a sé stanti. Le macchine da sostituire devono essere state immesse sul mercato successivamente alle disposizioni legislative e regolamentari di recepimento della direttiva 2006/42/CE. I progetti di riduzione del rischio devono prevedere la sostituzione di macchine che incidono sull’esposizione e che quindi presentano un livello di pressione acustica dell’emissione ponderato A (LpA) superiore a 80 dB(A) con altre analoghe che presentano un livello di pressione acustica dell’emissione ponderato A (LpA) e un livello di potenza sonora ponderata A (LWA) inferiori; i dati relativi all’emissione acustica devono essere quelli dichiarati dai fabbricanti. Le differenze tra i rispettivi valori dovranno rispettare entrambe le seguenti condizioni:  LpA ≥ 2 dB(A)  LwA ≥ 2 dB(A) Trattori agricoli e forestali I trattori agricoli e forestali da sostituire devono essere stati immessi per la prima volta sul mercato in data successiva al 31 dicembre 1997. I progetti di riduzione del rischio devono prevedere l’acquisto di trattori agricoli o forestali che rispettino le seguenti condizioni:  i trattori di categoria T1 e C1 dovranno avere livello di rumorosità di omologazione dichiarato dal fabbricante inferiore di almeno 4 dB(A) rispetto a entrambi i limiti previsti dal regolamento UE 167/2013 che, unitamente ai relativi regolamenti delegati, costituisce il regolamento comunitario di riferimento;  i trattori di categoria T2, T3, T4, T5 e C2, C3, C4, C5 dovranno avere livello di rumorosità di omologazione dichiarato dal fabbricante inferiore di almeno 2 dB(A) rispetto a entrambi i limiti previsti dal regolamento UE 167/2013 che, unitamente ai relativi regolamenti delegati, costituisce il regolamento comunitario di riferimento. Per il valore del livello sonoro all’orecchio del conducente il requisito di riduzione di rumorosità deve essere riferito al valore più elevato tra quelli misurati a cabina aperta e a cabina chiusa. DEFINIZIONI: Per “valori inferiori di azione” si intendono i valori definiti dall’art.189 del d.lgs. 81/2008 in relazione al livello di esposizione giornaliera e alla...

Info

BANDO ISI INAIL 2021 PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO: Tipologia b Riduzione del rischio rumore mediante la realizzazione di interventi ambientali

Pubblicato il 5 Gen 2022 in Contributi e agevolazioni, Eventi, News, Sicurezza sul lavoro – Formazione obbligatoria

Tipologia b: Riduzione del rischio rumore mediante la realizzazione di interventi ambientali OGGETTO: progetti di riduzione del rischio mediante l’acquisto e installazione di:  pannelli fonoassorbenti  cabine  cappottature  schermi acustici  separazioni  silenziatori  sistemi antivibranti  trattamenti ambientali AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti di riduzione del rischio legato alla propagazione del rumore solo se la valutazione del rischio dimostra che i valori di esposizione iniziale sono superiori ai valori inferiori di azione; i progetti devono altresì contenere la stima della riduzione del rischio post operam. DEFINIZIONI: Per “valori inferiori di azione” si intendono i valori definiti dall’art.189 del d.lgs. 81/2008 in relazione al livello di esposizione giornaliera e alla pressione acustica di picco [rispettivamente: LEX = 80 dB(A) e ppeak = 112 Pa (135 dB(C) riferito a 20 μPa)]. Per gli interventi oggetto del finanziamento valgono le definizioni e le indicazioni della norma UNI 11347:2015 – Programmi aziendali di riduzione dell’esposizione a rumore nei luoghi di lavoro...

Info

BANDO ISI INAIL 2021 PER TIPOLOGIA DI INTERVENTO: Tipologia a Riduzione del Rischio Chimico

Pubblicato il 5 Gen 2022 in Contributi e agevolazioni, IN EVIDENZA, News

Nella presentazione delle domande ai bandi Isi INAIL l’attenzione di molti, aziende, fornitori, consulenti, si concentra sul “cosa” comprare, macchinari, impianti, o elaborare, modelli di organizzazione, anziché sul “Perché” si chiede quel finanziamento.  I bandi Isi INAIL  hanno lo scopo di finanziare progetti “per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti, nonché incoraggiare le micro e piccole imprese, operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, all’acquisto di nuovi macchinari e attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, migliorare il rendimento e la sostenibilità globali e, in concomitanza, conseguire la riduzione del livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali”. E’ bene quindi  vedere per ogni tipologia di intervento quale sia l’obiettivo che INAIL si prefigge e su quello assistere l’azienda per l’investimento da fare. Tipologia a “Riduzione del rischio Chimico”  OGGETTO: progetti di riduzione o eliminazione del rischio mediante l’acquisto e l’installazione di:  impianti di aspirazione e captazione gas, fumi, nebbie, vapori o polveri  cappe di aspirazione  cabine di verniciatura/spruzzatura/carteggiatura  sistemi di isolamento dell’operatore (glove box, sistemi di caricamento agenti chimici, ecc.)  altre macchine e/o impianti AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti di:  riduzione del rischio legato agli “agenti cancerogeni e mutageni” presenti nel luogo di lavoro  riduzione del rischio legato agli “agenti chimici pericolosi” solo se, in relazione al tipo e alle quantità di un agente chimico pericoloso e alle modalità e frequenza di esposizione a tale agente presente sul luogo di lavoro, la valutazione del rischio abbia dimostrato che nello stato ante operam il rischio è “non basso per la sicurezza” e/o “non irrilevante per la salute dei lavoratori” (art. 223 e 236 d.lgs. 81/2008) DEFINIZIONI: Per “agenti chimici pericolosi” si intendono quelli così definiti ai sensi dell’art. 222 del d.lgs. 81/2008 e s.m.i; per “agenti chimici cancerogeni e mutageni” si intendono quelli così definiti all’art. 234 del d.lgs. 81/2008 e s.m.i....

Info

Avviso FONDIMPRESA 3/2021 – PMI

Pubblicato il 21 Dic 2021 in Contributi e agevolazioni, Eventi, News

Con l’Avviso 3/2021  “Contributo aggiuntivo” Fondimpresa ha stanziato 15 milioni di euro per la realizzazione di piani formativi aziendali o interaziendali. Il contributo aggiuntivo è pensato per la formazione dei lavoratori di PMI aderenti di minori dimensioni Tempistica: Attivazione del Piano formativo dal 1 febbraio 2022; Presentazione delle domande sulla piattaforma dedicata dalle ore 9:00 del 1 marzo 2022 fino alle ore 13:00 del 20 maggio 2022; Importi: compresi fra 1.500 e 10.000 euro per azienda. Il finanziamento massimo ammissibile,  somma del contributo aggiuntivo (nei limiti dei massimali per azienda beneficiaria) e la totalità delle risorse accantonate sul Conto Formazione, non può superare l’importo complessivo di 40.000 euro. Qualitech offre la propria assistenza a chi volesse avvalersi del...

Info

IL 26 FEBBRAIO INAIL RENDERA’ NOTE DATE E PROCEDURE DEL BANDO ISI INAIL 2021!

Pubblicato il 20 Dic 2021 in Contributi e agevolazioni, Eventi, News

Il 26 Febbraio 2022 INAIL renderà note le date e le procedure per la presentazione del nuovo bando ISI2021 per il quale sono destinati 274 milioni di euro Il bando  incentiva le imprese a realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti, nonché incoraggiare le micro e piccole imprese, operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, all’acquisto di nuovi macchinari e attrezzature di lavoro che aiutino ad  abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, migliorare il rendimento e la sostenibilità globali e, in concomitanza, conseguire la riduzione del livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali Destinatari dei finanziamenti: L’iniziativa è rivolta a tutte le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura e anche agli enti del terzo settore limitatamente all’Asse 2 di finanziamento. Progetti ammessi a finanziamento: Sono finanziabili le seguenti tipologie di progetto ricomprese in 5 Assi di finanziamento: Progetti di investimento e Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale – Asse di finanziamento 1 (sub Assi 1.1 e 1.2) Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC) – Asse di finanziamento 2 Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto – Asse di finanziamento 3 Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività – Asse di finanziamento 4 Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli – Asse di finanziamento 5. Risorse economiche destinate ai finanziamenti: Le risorse finanziarie destinate dall’Inail, ai progetti di miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, sono ripartite per regione/provincia autonoma e per assi di finanziamento. Di tale ripartizione è data evidenza nell’allegato “Isi 2021 – risorse economiche” che costituisce parte integrante degli Avvisi pubblici regionali/provinciali pubblicati. Il finanziamento, in conto capitale, è calcolato sulle spese ritenute ammissibili al netto dell’iva, come di seguito riportato. a)    Per gli Assi 1, 2, 3 e 4 il finanziamento non supera il 65% delle predette spese, fermo restando i seguenti limiti: Assi 1, 2, 3, il finanziamento complessivo di ciascun progetto non potrà essere inferiore a 5.000,00 euro nè superiore a 130.000,00 euro. Non è previsto alcun limite minimo di finanziamento per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale di cui all’allegato (sub Asse 1.2); Asse 4, il finanziamento complessivo di ciascun progetto non potrà essere inferiore a 2.000,00 euro nè superiore a 50.000,00 euro. b)    Per l’Asse 5 il finanziamento è concesso nella misura del: 40% per la generalità...

Info

Pubblicato il decreto di finanziamento del Fondo impresa femminile

Pubblicato il 17 Dic 2021 in Eventi, News, Senza categoria

Il Decreto stanzia 40 milioni di euro. Di questi 33 milioni sono per il sostegno a imprese femminili di nuova costituzione (8 milioni) e per consolidamento di quelle esistenti (25 milioni). Le domande saranno  telematiche sul sito Invitalia, “a sportello” ed esaminate e finanziate in ordine di caricamento della richiesta sulla piattaforma telematica. I dettagli sulle misure e le specifiche per poter partecipare ai bandi  saranno precisati in un provvedimento di prossima emanazione da parte del MISE I bandi  finanzieranno : • Ditte individuali femminili • Lavoratrici autonome • Società cooperative o di persone in cui le donne costituiscano almeno il 60% della compagine sociale • Società di capitali in cui le donne rappresentino almeno i due terzi delle quote e degli organi di amministrazione. Saranno finanziabili investimenti: • per la creazione di nuova impresa femminile • per il consolidamento di imprese femminili esistenti  Settori interessati: • industria • artigianato • servizi • commercio • turismo • trasformazione di prodotti agricoli. Gli investimenti dovranno essere realizzati DOPO la presentazione della domanda. Spese ammissibili : • macchinari, attrezzature, impianti • Immobilizzazioni immateriali (es. brevetti e software) • servizi in cloud • personale dipendente assunto a tempo indeterminato • capitale circolante nel limite del 20% del totale di spesa Il bando NON finanzierà l’acquisto o la ristrutturazione di immobili. L’agevolazione consisterà: • in un contributo a fondo perduto compreso tra il 40 e l’80% • abbinato eventualmente a un finanziamento a tasso zero. Investimento massimo: Dipendendo  dal tipo di misura € 250.000 o € 400.000. Qualitech vi terrà aggiornati sul...

Info

ANDIAMO IN GOL!

Pubblicato il 16 Dic 2021 in Contributi e agevolazioni, Eventi, News, Senza categoria

  E’ attesa entro la fine dell’anno l’emanazione del decreto attuativo del programma GOL (Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori).  Il programma sarà finanziato con 4,4 miliardi di euro del PNRR. GOL ha obiettivi ambiziosi: conta infatti di coinvolgere in 5 anni tre milioni di lavoratori. Di questi 800mila in percorsi formativi. Sarà ricco di sperimentazioni di nuovi percorsi per lavoratori e imprese. Il programma, che sarà gestito a livello regionale , integra  servizi e soggetti pubblici e privati, con la cooperazione, strutturale,  tra i servizi pubblici e agenzie per il lavoro, le imprese e le agenzie formative. Altra parola chiave di GOL è la personalizzazione degli interventi, sia per i lavoratori  ma anche per le esigenze del sistema produttivo. Un’alta differenziazione per conciliare  la formazione dei lavoratori con il  contesto del mercato del lavoro di riferimento, dei fabbisogni espressi dalle imprese e delle concrete opportunità occupazionali. GOL prevede vari percorsi formativi, fra questi tre sono particolarmente interessanti per le imprese: reskilling, upskilling e ricollocazione aziendale. ANPAL definisce centrale il ruolo delle imprese nell’ambito  formativo di GOL che deve essere:  Personalizzato,  duale, E prevedere:   il coinvolgimento delle imprese nella definizione del fabbisogno,   formazione ad hoc se vincolata ad un impegno di assunzione Qualitech vi aggiornerà costantemente sugli sviluppi del...

Info

Certificazione UNI ISO 37001:2016, lo strumento anticorruzione per le aziende pubbliche e private

Pubblicato il 21 Set 2021 in IN EVIDENZA, News, Sistemi di gestione & modelli organizzativi

  COS’È LA CERTIFICAZIONE ISO 37001 E A CHI SI RIVOLGE? La ISO 37001 è uno standard internazionale pensato per tutte le aziende e organizzazioni che vogliono adottare uno strumento per prevenire e contrastare la corruzione e indica i requisiti necessari alla creazione di un sistema anti-corruzione. Si applica a qualsiasi tipologia di azienda, ed è particolarmente utile per le organizzazioni operanti in settori notoriamente più esposti a fenomeni corruttivi. Il suo campo di azione è esteso a varie casistiche di possibile corruzione: • Corruzione esercitata direttamente dall’organizzazione • Corruzione da parte di dipendenti che agiscono per conto dell’organizzazione • Corruzione condotta attraverso intermediari • Corruzione dell’organizzazione da parte di terzi • Corruzione dei dipendenti dell’organizzazione da parte di terzi Quali sono i vantaggi che un’organizzazione può trarre dall’applicazione, implementazione e certificazione di un sistema di gestione anticorruzione Iso 37001? Vediamone alcuni esempi: I fenomeni di corruzione devono e possono essere prevenuti – la corretta applicazione di questa norma permette l’individuazione preventiva di quelli che possono essere i rischi di questi fenomeni lungo le vari fasi aziendali, così da poter strutturare delle azioni atte alla prevenzione e mitigazione di tali pericoli impattanti sulle organizzazioni e sulle parti interessate; La tutela in caso di illeciti o presunti tali – in caso di azioni legali nei confronti dell’organizzazione, la stessa potrà dimostrare, grazie ai vantaggi dell’implementazione e certificazione della norma anticorruzione ISO 37001, tutto l’impegno e le misure adottate a prevenzione ed a monitoraggio di questo rischio. Queste misure potranno essere considerate un attenuante anche per quanto riguarda eventuali pene, come per esempio, l’assenza di tale certificazione potrebbe essere considerata in una organizzazione a rischio, un atto di negligenza da parte della proprietà; Azioni di mitigazione coerenti – L’applicazione di questa norma, come spesso avviene, non deve far pensare alle organizzazioni che verranno messe atto procedure troppo stringenti per l’efficienza lavorativa, ma anzi, l’individuazione efficace del contesto e dei rischi applicabili farà si che il sistema verrà integrato con le strette procedure necessarie per la prevenzione e mitigazione dei fenomeni di corruzione sulla base della realtà aziendale; I Vantaggi di mercato – la certificazione secondo la norma anticorruzione ISO 37001 porterà dei benefici commerciali alle organizzazioni che possono comprendere: Un miglioramento della visibilità e della reputazione grazie all’evidenza dell’impegno sulle tematiche della corruzione dell’organizzazione; Un accesso privilegiato a talune catene di fornitura; Maggior punteggio nella partecipazione dei bandi ed affidamenti; La gestione dei fornitori – Grazie alle azioni di prevenzione e mitigazione dei rischi corruzione si avrà un monitoraggio continuo sulle catene di fornitura, che è uno degli aspetti principali, per poter intervenire prima che un’attività illecita possa ‘contaminare’ l’organizzazione; I vantaggi per le parti interessate – l’applicazione e la certificazione della norma ISO 37001 definisce i requisiti vincolanti ed un fermo impegno della direzione. Questo aspetto garantisce ad investitori, clienti, dipendenti ed altre parti...

Info

Qualitech supporta Witapp Srl nell’ottenimento della certificazione ISO 13485

Pubblicato il 7 Set 2021 in News

Witapp Srl, azienda leader nel settore delle tecnologie dell’informatica e creatore del software Verima,  l’innovativa suite software che si colloca nell’ambito delle alte tecnologie specializzate nell’imaging sanitario, ha ottenuto la certificazione ISO 13485 grazie alla consulenza Qualitech. Guarda il video qui      

Info

AGGIORNAMENTO CORSO DI FORMAZIONE PARTICOLARE E AGGIUNTIVA PER PREPOSTI ALLA SICUREZZA – modalità webinar

Pubblicato il 8 Feb 2021 in IN EVIDENZA, News, Sicurezza sul lavoro – Formazione obbligatoria

PERCORSO FORMATIVO ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt. 36, 37 e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 e s.m.i. AGGIORNAMENTO: Il Corso di Aggiornamento sulla Sicurezza valido per preposti di Aziende a Rischio Basso, Medio e Alto, consente di adempiere, ai sensi dell’Accordo Stato Regioni del 21/12/11 repertorio atti n. 221/CSR, all’aggiornamento periodico di almeno 6 ore ogni quinquennio dei preposti di tutti i macrosettori ATECO. Il programma del corso è studiato per illustrare ed approfondire le responsabilità delle principali figure richiamate dal Titolo I del D. Lgs. 81/08, nonché per fornire le nozioni di base per comprendere i principi della valutazione dei rischi, dalla quale scaturiscono tutte le misure di sicurezza per tutelare la salute e sicurezza nelle aziende. Il corso inoltre approfondisce i rischi per la salute causati dal SARS-CoV-2 (Coronavirus) e le misure di sicurezza anticontagio COVID-19. PROGRAMMA: – La sicurezza e il D.Lgs. 81/08; – Obblighi e responsabilità delle principali figure richiamate dal D.Lgs. 81/08: datore di lavoro, dirigenti, preposti e lavoratori; – Compiti del Servizio di Prevenzione e Protezione (SPP); – La valutazione dei rischi per la sicurezza: aspetti metodologici e normativi; – I contenuti del documento di valutazione dei rischi previsti dal D.Lgs. 81/08; – La sicurezza negli appalti; – La formazione dei lavoratori, preposti e dirigenti: i recenti Accordi Stato Regioni; – La gestione in sicurezza delle emergenze; – Informativa sui rischi per la salute determinati dal Coronavirus SARS-CoV-2 e misure di sicurezza anticontagio COVID-19 – Test di apprendimento finale. MODALITÀ: Il partecipante si collegherà alla piattaforma per seguire il corso di formazione in modalità webinar. VALUTAZIONE E ATTESTATO: Al termine del corso è previsto un test finale con domande a risposta chiusa corrette da un formatore qualificato ai sensi del Decreto Interministeriale del 6 marzo 2013 in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lett. m-bis), del Decreto Legislativo n. 81/2008. Il test si riterrà superato con almeno l’80 % delle risposte corrette. Attestato nominativo di partecipazione a coloro che avranno frequentato almeno il 90% delle ore previste COSTO: 90 euro + iva a partecipante – compilare il modulo d’iscrizione, richiedilo a...

Info

COVID – 19 GESTIRE L’EMERGENZA, CORSO DI AGGIORNAMENTO RSPP, ASPP, RLS.

Pubblicato il 8 Feb 2021 in IN EVIDENZA, News

PERCORSO FORMATIVO ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt. 36, 37 e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 e s.m.i. DESTINATARI E OBIETTIVI: Questo corso è destinato a RSPP, ASPP e RLS, funzioni aziendali che si trovano o si troveranno sempre più a trattare questi aspetti di emergenza in azienda. PROGRAMMA: • Il Virus SARS-CoV-2: caratteristiche e rischi per la salute • Come classificare il virus SARS-CoV-2 ai fini del rischio biologico? • Il “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro” • D. Lgs. 81/08, analisi e valutazione dei rischi: cosa fare e come fare • Come applicare le misure anticontagio COVID19 richieste dal protocollo nazionale: casi tipici ed esempi • La pulizia e la sanificazione, la circolare n. 5443 del 22 febbraio 2020 • Suggerimenti pratici di una corretta applicazione per la tutela dei lavoratori • Verifica dell’apprendimento MODALITÀ: Il partecipante si collegherà alla piattaforma per seguire il corso di formazione in modalità webinar. VALUTAZIONE E ATTESTATO: Al termine del corso è previsto un test finale con domande a risposta chiusa corrette da un formatore qualificato ai sensi del Decreto Interministeriale del 6 marzo 2013 in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lett. m-bis), del Decreto Legislativo n. 81/2008. Il test si riterrà superato con almeno l’80 % delle risposte corrette. L’ attestato nominativo di partecipazione sarà rilasciato a coloro che avranno frequentato almeno il 90% delle ore previste. COSTO: 100 euro + iva a partecipante – compilare il modulo d’iscrizione, richiedilo a...

Info

COVID-19, AFFRONTARE L’EMERGENZA – CORSO DI AGGIORNAMENTO LAVORATORI- modalità webinar

Pubblicato il 8 Feb 2021 in IN EVIDENZA, News

PERCORSO FORMATIVO ai sensi del D. Lgs. 81/08 artt. 15 lett. O, 36 e 37 co. 7 e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 e s.m.i. DESTINATARI E OBIETTIVI: Questo corso è destinato ai Lavoratori e alle Lavoratrici che svolgono che si trovano a gestire situazioni di stress generato da un contesto di emergenza e che devono effettuare l’aggiornamento quinquennale in quanto hanno già ricevuto la formazione base e specifica in materia di sicurezza e salute sul lavoro prevista dall’Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e s.m.i.. PROGRAMMA: • Il rischio stress da emergenza microbiologica; • Tutelare sé e gli altri; • Approfondimenti; • La comunicazione efficace. MODALITÀ: Il partecipante si collegherà alla piattaforma per seguire il corso di formazione in modalità webinar. VALUTAZIONE E ATTESTATO: Al termine del corso è previsto un test finale con domande a risposta chiusa corrette da un formatore qualificato ai sensi del Decreto Interministeriale del 6 marzo 2013 in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lett. m-bis), del Decreto Legislativo n. 81/2008. Il test si riterrà superato con almeno l’80 % delle risposte corrette. Rilascio attestato nominativo di partecipazione a coloro che avranno frequentato almeno il 90% delle ore previste. COSTO: 60 euro + iva a partecipante – compilare il modulo d’iscrizione, richiedilo a...

Info

Bando Isi 2020

Pubblicato il 7 Set 2021 in Contributi e agevolazioni, News

  Calendario scadenze Isi 2020 Apertura della procedura informatica per la compilazione della domanda 1 giugno 2021 Chiusura della procedura informatica per la compilazione della domanda 15 luglio 2021 entro le ore 18:00 Download codici identificativi Dal 20 luglio 2021 Regole tecniche per l’inoltro della domanda online e date dell’apertura dello sportello informatico 14 settembre 2021 Pubblicazione elenchi cronologici provvisori Entro 14 giorni dall’apertura dello sportello informatico Upload della documentazione (efficace nei confronti degli ammessi agli elenchi pena la decadenza della domanda) Periodo di apertura della procedura comunicato con la pubblicazione degli elenchi cronologici Pubblicazione degli elenchi cronologici definitivi Alla data comunicata contestualmente alla pubblicazione degli elenchi cronologici provvisori.    ...

Info

ISO 39001: ROAD TRAFFIC SAFETY

Pubblicato il 23 Mar 2018 in News, Sistemi di gestione & modelli organizzativi

Lo standard ISO 39001:2012 definisce quali sono gli elementi necessari ed utili ad una corretta gestione delle buone pratiche volte alla sicurezza stradale con una attenzione specifica sulle azioni intraprese e sui risultati attesi e raggiunti in un’ottica di miglioramento della prevenzione. La norma ISO 39001 è applicabile a qualsiasi Organizzazione, di qualunque tipologia, indipendentemente dal settore e dal prodotto/servizio fornito. In particolare risponde alle esigenze di grandi aziende e aziende con molto personale viaggiante, aziende di trasporto merci e persone, organizzazioni che generano molto traffico (centri commerciali, ospedali, scuole, Enti pubblici,…), aziende del settore automobilistico (produzione auto, pneumatici, componenti,…). Quali sono i principali benefici? La gestione della Sicurezza Stradale secondo la ISO 39001 consente alle Aziende di: ■ riduzione degli incidenti e dei costi relativi; ■ migliore posizionamento sul mercato, ad esempio nei confronti dei fornitori o in occasione di gare pubbliche e programmi di Ethical Procurement; ■ migliorare la consapevolezza e il coinvolgimento dei propri dipendenti. ■ ritorno di immagine tramite la formalizzazione e la comunicazione del proprio impegno circa le tematiche legate alla Sicurezza Stradale   Lo standard ISO 39001 è stato sviluppato come integrazione alla Politica QHSE di un’Organizzazione. E’ quindi integrabile con standard quali la ISO 9001, la ISO 14001, la OHSAS 18001, ricalcandone anche l’approccio plan-do-check-act.   Contattaci per maggiori...

Info

GKN SCEGLIE QUALITECH!

Pubblicato il 13 Ott 2017 in Eventi, News

GKN, multinazionale del settore automotive con più di 55.000 dipendenti, incarica QUALITECH SRL per l’implementazione del nuovo standard ISO IATF 16949:2016 per il settore driveline – stabilimento di...

Info

Qualitech S.r.l. Via Agnoletti 8, 56025 Pontedera (PI)

P.Iva 01965130501 Tel. 0587-52254 Fax 0587-211380 info@studioqualitech .it

Login